Un tuffo leggendario in Antartide per Orlando Duque

Orlando Duque dives off an iceberg in Antarctica
31 giorni in viaggio per raggiungere un gigantesco iceberg

Orlando Duque è una vera forza della natura nel mondo dei tuffi, e ha usato la sua posizione di influenza per sottolineare i pericoli del riscaldamento globale.

Il veterano, vincitore della primissima Red Bull Cliff Diving World Series, nel 2009, ha viaggiato per 31 giorni per potersi tuffare da un gigante iceberg in Antartide. Guarda il video per rivivere i momenti più belli della sua impresa, e continua a leggere per saperne di più.

- Tutto ha avuto inizio il 5 gennaio 2018, quando Duque, 43 anni, ha lasciato la sua casa a Cali, in Colombia, per arrivare nell'affascinante Antartide.

- Ha percorso oltre 10000 km via aria, mare e terra per raggiungere una nave a Punta Arenas, che ha impiegato 4 giorni per potarlo nella più gelida e misteriosa parte del pianeta.

Si parte: Duque si è unito alla spedizione scientifica della marina colombiana. Foto: Andreas Vigl/Red Bull Content Pool.

- Il viaggio faceva parte di una spedizione scientifica della marina colombiana. A bordo della nave c'erano oltre 100 persone, principalmente scienziati colombiani.

- Duque ha cercato un enorme pezzo di ghiaccio con le giuste caratteristiche per effettuare un tuffo nelle gelide acque dell'Antartide, una sfida che solo un detentore di 13 titoli mondiali di cliff diving poteva accettare.

Il 43enne si è gustato dei panorami niente male durante il suo viaggio durato 31 giorni. Foto: Andreas Vigl/Red Bull Content Pool.

- Più di 15 persone, inclusi diver, dottori, medici, cameraman, fotografi e sua moglie Catalina, hanno raggiunto il gigantesco iceberg a bordo di due barche.

- Armato di soli ramponi, due piccozze e una tuta in neoprene spessa 7 millimetri, Duque si è tuffato per 3 volte da un iceberg alto 20 metri, entrando in un'acqua gelida (a 1°C).

Ha trovato il punto perfetto da cui tuffarsi. Foto: Andreas Vigl/Red Bull Content Pool.

Ecco uno dei tuffi più leggendari della sua carriera. Foto: Andreas Vigl/Red Bull Content Pool.

- Il 43enne, che ricorda ancora con piacere quei momenti e la fauna così particolare, composta da megattere e pinguini, ha rivelato: "Il panorama era così maestoso. Quando ho raggiunto la cima, ho dovuto togliere una parte di ghiaccio per rendere il punto più stabile, così da avere spazio per tuffarmi. Avevo il terrore che si staccasse una parte, facendo così finire il mio sogno."

Anche gli "abitanti" del posto si sono voluti gustare la leggenda in azione. Foto: Andreas Vigl/Red Bull Content Pool.

- Nei poli è contenuto il 75% dell'acqua dell'intero pianeta, gran parte della quale è nello stato solido: ecco perché è così importante preoccuparsi di queste aree.

- Duque, che come prossima impresa prevede di tuffarsi anche in Artide, ha aggiunto: "Le persone devono essere più informate. Dobbiamo ridurre il consumo di petrolio e di plastica per conservare luoghi come l'Antartide."

Per saperne di più sul Red Bull Cliff Diving clicca qui