Now
Now
Now
Now
Now
Now
Menu

A caccia della gloria ai confini del mondo

Jonathan Paredes
I due campioni verranno incoronati ai piedi delle Ande cilene questo weekend

Con quattro differenti vincitori su cinque gare per la categoria maschile, e un posto sul podio ottenuto da tutte e otto le partecipanti alla tappa sudamericana, la World Series 2017 si è certamente meritata il titolo di stagione più imprevedibile di sempre.

Sono in sei, tre per categoria, a lottare per la vittoria in quella che promette di essere una finale indimenticabile in una location in cui l'inverno non sembra ancora essersene andato del tutto. Pressione e nervi, uniti al clima freddo e alle gelide acque, contribuiscono a rendere l'atmosfera febbricitante, ma in una sfida decisa un tuffo dopo l'altro è fondamentale restare tranquilli e concentrati. I campioni in carica confermeranno il successo dello scorso anno, o a festeggiare tra le cascate cilene saranno due volti nuovi?

Il primo tuffo di Blake Aldridge tra le suggestive cascate Riñinahue, al Lago Ranco. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

"Il primo tuffo è un vero shock, ma dal secondo in poi sai già cosa ti aspetta," ha affermato Blake Aldridge, che ha di recente ottenuto la sua prima vittoria dopo quattro anni di digiuno, ed è attualmente terzo in classifica generale. "Vedo che un po' tutti hanno problemi con il freddo e con il frastuono causato dalle cascate, ma è in queste situazioni che bisogna mantenere i nervi ben saldi mentre tutti sono terrorizzati e preoccupati." Nella battaglia a tre con il connazionale Gary Hunt e con il messicano Jonathan Paredes, il 35enne, ex-atleta olimpico, punta ad ottenere il suo miglior risultato in assoluto.

I brividi di Sergio Guzman all'uscita dalle gelide acque del lago. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

L'inglese accusa il freddo ma non sembra intenzionato a stravolgere la sua tabella di marcia, mentre altri atleti hanno preferito rivedere i loro tuffi, dovendosi adattare a condizioni abbastanza inusuali, tra il clima rigido e le cascate così vicine. "Non è semplice tuffarsi vicino ad una cascata," spiega l'americano Steven LoBue, "per me è importante contare i miei avvitamenti, ho bisogno di ascoltare il vento che passa vicino alle orecchie, e se c'è qualcosa di rumoroso nelle vicinanze non riesco, perdo la concentrazione. Ho quindi dovuto inserire nella mia lista, per questa gara, dei tuffi un po' più semplici."

L'ottima stagione della Merten le ha permesso di arrivare alla finale con buone chance di portarsi a casa il titolo. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool. 

Nella categoria femminile, un infortunio ha impedito alla campionessa in carica Rhiannan Iffland di gareggiare, lasciando alle inseguitrici Helena Merten e Adriana Jimenez una ghiotta occasione per recuperare terreno. Ora sono solo 80 i punti a separarle, e ci sono tutti gli ingredienti per una finale memorabile.

La Iffland, che punta ad ottenere il secondo titolo consecutivo (su due stagioni disputate finora), ha conquistato tre tappe su quattro in totale, salvo poi saltare quella di Mostar. Le cinque settimane di pausa sembrano però averle permesso di recuperare e tornare in forma giusto in tempo: "Mi sono lesionata entrambi i crociati a Mostar. Da allora ho ripreso pian piano ad allenarmi e tornare alla solita routine. Negli ultimi cinque giorni ho ripreso a tuffarmi, mi sento più sicura, e chissà che un po' di tranquillità non mi permetta di ottenere un buon risultato."

I sei contendenti posano attorno al trofeo del Re Kahekili: chi di loro se lo porterà a casa? Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

Ad attendere i diver per la finalissima del 2017 ci sono condizioni climatiche rigide e fattori esterni pronti a disturbare la performance, come le cascate stesse che fanno da suggestivo sfondo alla gara, un teatro della sfida situato nel cuore nella Patagonia del Nord, in Cile, ai piedi delle Ande. È qui che verranno incoronati i campioni di quest'anno: Gary Hunt e Rhiannan Iffland sono ancora al comando e restano i favoriti, ma in una gara in cui ogni singolo tuffo conta, i giochi sono tutt'altro che chiusi.

Segui la diretta

L'evento di Lago Ranco verrà trasmesso in diretta il 21 ottobre dalle ore 20:15 su www.redbullcliffdiving.com, Red Bull TV e su Facebook. Red Bull TV è disponibile su Smart TV, console da gioco, smartphone, tablet e altro ancora. Per saperne di più, visita about.redbull.tv

Non puoi seguire l'evento in diretta o vuoi vederlo nuovamente? Troverai un replay disponibile qualche minuto dopo la conclusione dell'evento.