David Colturi

USA

David Colturi

Stati Uniti

"Le possibili conseguenze di un errore commesso mentre ci si tuffa dalle grandi altezze mi terrorizzano quasi quanto l'idea di dover lavorare tutti i giorni in un ufficio", parola di David Colturi. La paura però si è concretizzata durante uno speciale tuffo da un parapendio che ha fatto prima della tappa svizzera del 2018, e che si è concluso non proprio nel migliore dei modi.

"Gli infortuni non mancano nel nostro sport, anche dopo una lunga preparazione, ma è un peccato che mi sia successo proprio mentre ero in forma smagliante, dopo due podi sia in Spagna che in Portogallo". E come tre stagioni fa, in cui aveva un serio problema alla spalla, il sempre sorridente David ha passato il suo 2018 a recuperare salute ed energie per tornare al 100% in vista della stagione successiva, dove è salito per due volte sul podio. Per il 2020 ha intensificato ulteriormente il suo allenamento, a dimostrazione di non volersi assolutamente arrendere.

Il suo ufficio preferito è una piattaforma a 27 metri di altezza, equivalente ad un palazzo di 8 piani, e lì non ha orari. Quando scende in picchiata, predilige gli avvitamenti ai salti mortali, e negli ultimi anni ha scalato le classifiche, assicurandosi ben più di un primato, come l'essere il diver più giovane a partecipare alla tappa di una World Series (nel 2012), a salire sul podio e a vincere una gara. Ma il sogno nel cassetto resta quello di completare i suoi studi universitari per diventare un medico.