Iffland e Popovici fanno un tuffo in una salina sotterranea in Romania

Rhiannan Iffland
L'impresa li ha visti compiere il primo salto in un lago profondo 120 metri

La campionessa dei record del Red Bull Cliff Diving Rhiannan Iffland (AUS), e l'astro nascente della scorsa World Series Constantin Popovici (ROM), hanno portato i tuffi da grandi altezze a un nuovo livello, con un'incredibile esibizione acrobatica a 120mt di profondità nella Salina Turda, in Romania, una delle più antiche saline del mondo.

In un duetto mai visto prima, la regina australiana del Cliff Diving, Rhiannan Iffland e l'eroe del posto, Constantin Popovici, hanno alzato ulteriormente l'asticella dell'high diving tuffandosi dalle pareti saline della miniera direttamente nelle acque salatissime del lago sotterraneo nelle profondità della Transilvania.

A 120mt sotto la superficie terrestre, un paesaggio fantascientifico modellato dal sale e dal lavoro dei minatori ha fatto da arena ai tuffi degli atleti, che nella caduta sono passati dagli 85 ai 0km/h due volte più velocemente del solito, a causa dell'alta densità salina dell'acqua. Con alle spalle questa esperienza extra-terrestre, ora la coppia dell'high diving è pronta a fare il suo ritorno in gara nella Red Bull Cliff Diving World Series 2021.

jm_201006_rbcd_salina_turda_0004.jpg
Questa antica miniera sembra provenire direttamente da un film di fantascienza. Foto: Joerg Mitter/Red Bull Content Pool.

Dopo l'interruzione dell'estrazione mineraria nel 1880 e l'apertura della miniera salina ai turisti negli anni più recenti, ora, per la prima volta nel 2020, anche il cliff diving si aggiunge alle attrazioni di questo incredibile luogo.

"Possiamo spuntare la casella di un nuovo primato mondiale oggi: il primo tuffo sotterraneo della storia in una miniera salina. È davvero buio nel lago. L'acqua è il 17% più densa di quella marina, quindi l'impatto con la superficie è diverso. È proprio un'esperienza unica impattare l'acqua quando è così salata" spiega la 29enne australiana Iffland.

"La cosa più sfidante per me è stata rimettere in marcia la mia mente dopo quest'anno così particolare. È stato molto difficile ritrovarmi nella condizione dell'anno scorso, essere in grado di frenare tutte le paure, salire lassù in cima e tuffarmi direttamente." Conclude Iffland.

jm_201007_rbcd_salina_turda_0009.jpg
Iffland durante il tuffo da una speciale piattaforma costruita appositamente per l'impresa. Foto: Joerg Mitter / Red Bull Content Pool.

I 12°C di temperatura dell'acqua e dell'aria sono stati il minore dei mali, se si considera che tuffarsi in acque così salate comporta una maggior forza di galleggiamento e un'accelerazione molto più rapida del corpo nella fase di atterraggio. La salinità 8 volte più elevata rispetto a quella del Mare Adriatico – 260g/l vs. 33g/l- ha fatto sì che gli high diver fermassero la propria discesa appena 2½mt sotto la superficie dell'acqua, rispetto ai 5mt standard che occorrono normalmente nei tuffi da 27mt. A questo fattore di difficoltà fisica, si aggiunge l'ulteriore sfida di tuffarsi senza nessuna luce naturale.

"Dato che siamo in una cava è tutto completamente buio. Avevamo delle luci con noi ma comunque non è un ambiente naturale per i tuffi, quindi è stata una situazione molto impegnativa. Sulla piattaforma potevi quasi toccare la parete con la testa o con le mani, quindi è stato un po' complesso darsi lo slancio per il tuffo nel punto giusto ed evitare l'acqua bassa. È senza dubbio il progetto più spettacolare e psicologicamente impegnativo che abbia mai affrontato nella mia vita" racconta Popovici, originario di Bucarest.

"Sono davvero orgoglioso di essere il primo cliff diver rumeno a tuffarsi da grandi altezze in Romania. Non abbiamo mai avuto un'opportunità del genere, e sono molto felice che stia succedendo per la prima volta in un posto così iconico come la Transilvania. Sono stato in questa miniera in passato, e potermi tuffare qui è un'occasione che capita una volta nella vita" conclude Popovici.

Le prime testimonianze storiche della location mozzafiato della Salina di Turda risalgono al 1271, ed è stata la principale fonte di scorte fino alla completa interruzione dell'attività mineraria nel 1932. Oggi la Salina Turda è un vero e proprio museo di storia e un parco a tema sotterraneo che attrae 700.000 visitatori all'anno.

Per tutti i fan e gli appassionati della Red Bull Cliff Diving World Series, così come per i suoi protagonisti come Iffland e Popovici, il ritorno della competizione è atteso con entusiasmo per il 2021. Considerando l'evolversi della situazione sanitaria nel mondo, è previsto l'annuncio di un nuovo calendario di gara all'inizio del prossimo anno.