Due messicani in lizza per entrambi i titoli dominano i primi round a Mostar

Jonathan Paredes
Paredes e Jimenez sono in vetta alla classifica provvisoria, giornata da dimenticare per Hunt

Dopo due round della penultima tappa di Mostar, Bosnia ed Erzegovina, della Red Bull Cliff Diving World Series 2018, sono i messicani Jonathan ParedesAdriana Jimenez a dominare la classifica maschile e femminile. Il ceco Michal Navratil e l'americano Steven LoBue sono rispettivamente secondo e terzo, mentre Gary Hunt, a caccia di una tripletta, si è dovuto accontentare del 9° posto. La Jimenez è inseguita dalle due rivali, l'australiana Rhiannan Iffland e la canadese Lysanne Richard.

Paredes, consapevole di quanto importante sia una vittoria qui a Mostar per restare in lizza per il titolo, ha iniziato alla grande la due giorni di gare, qui dove, nel 2015, vinse per la prima volta. Il campione in carica ha eseguito dei tuffi perfetti sulle acque del fiume Neretva come solo lui sa fare, conquistando voti altissimi dalla giuria.

"La lotta tra me, Gary e Steven è molto dura," ha affermato Paredes. "Devo farcela qui, non c'è altro modo per batterli. Ho sopportato alla grande la pressione e sono molto felice di questo. Mostar è speciale per me, qui ho vinto la mia prima gara World Series e ho tanti fan che fanno il tifo per me. Spero di farli contenti con un buon risultato, magari una vittoria."

dt_180907_rbcdmos_hunt_6614.jpg
Gary Hunt dovrà dare tutto se stesso nella giornata di sabato per sperare di vincere come l'anno scorso qui a Mostar. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

Giornata da dimenticare invece per Hunt, che è recentemente tornato in forma smagliante e con stile vincendo sia in Svizzera che in Danimarca, ma che nei primi due round qui a Mostar è apparso sbiadito. Il leader della classifica LoBue, invece, guarda a sabato con una certa tranquillità.

"Oggi è stata una gran bella giornata. La gara sta andando bene, e confido in un altro round finale con punteggi molto alti come a Copenhagen. È bello essere nuovamente a Mostar; è una città così ricca dal punto di vista culturale e della storia del diving, e condividere con gli abitati del posto simili emozioni, oltre che competere in una location storica come questa, è una gran cosa."

Le prime tre atlete della classifica femminile sono attualmente sul podio virtuale di Mostar dopo due round di tuffi dai 21 metri, con la Jimenez che punta a chiudere il gap di 20 punti che la divide dalla Iffland nella battaglia per il trofeo del Re Kahekili.

"I miei tuffi sono andati bene," ha affermato la 33enne messicana. "L'acqua è fredda, e la cosa non mi fa piacere, ma sono riuscita a superare mentalmente le mie paure. Domani però mi attendono altri due tuffi, e darò tutta me stessa."

dt_180907_rbcdmos_jime_8164.jpg
Adriana Jimenez in volo nelle acque del fiume Neretva: primo posto in classifica provvisoria dopo due round per lei. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

Nessun atleta è mai riuscito a vincere per due volte qui a Mostar, e altra statistica inquietante, nelle ultime 3 volte in cui si è gareggiato qui, chi ha vinto la gara non ha vinto il titolo. I contendenti al trofeo del Re Kahekili sperano di spezzare la maledizione questo sabato, a caccia come sono di punti preziosissimi necessari per arrivare alla finalissima di Polignano a Mare del 23 settembre con un po' di tranquillità.

Segui la diretta da Mostar

Questo evento verrà trasmesso in diretta l'8 settembre alle 13:15 su www.redbullcliffdiving.com, Red Bull TV, Facebook, & YoutubeNon puoi seguire l'evento in diretta o vuoi vederlo nuovamente? Troverai un replay disponibile qualche minuto dopo la conclusione dell'evento.

Red Bull TVè disponibile su Smart TV, console da gioco, smartphone, tablet e altro ancora. Per saperne di più, visita about.redbull.tv