Now
Now
Now
Now
Now
Now
Menu

Hunt torna a vincere

Gary Hunt festeggia a Copenhagen
Il campione in carica conquista Copenhagen e infrange ogni record

Gary Hunt ha finalmente ritrovato in quel di Copenhagen la sua forma smagliante con stile e classe da vendere, in un giorno ventoso ma ricco di emozioni. Il campione in carica, assente dal podio negli ultimi due eventi (inclusa la tappa conclusiva della stagione 2015), ha infranto ogni record con i suoi quattro tuffi, al cospetto di 40000 spettatori radunatisi nella capitale danese. La performance più sorprendente del weekend è invece stata indubbiamente quella della wildcard Kris Kolanus, che ha conquistato il secondo posto con un mix di qualità e potenza, uno dei suoi migliori risultati in assoluto. Jonathan Paredes, dal Messico, ha confermato la sua buona forma texana con un altro podio, stavolta al terzo posto, ma mantiene il comando della classifica generale della World Series 2016.

Prima della gara di sabato, l'obiettivo del 26enne era restare in cima alla classifica generale con un'altra performance perfetta delle sue. Forte della sicurezza ottenuta con la recente vittoria, il maestro di stile della World Series è riuscito nell'impresa ancora una volta, ottenendo più 10 di chiunque altro. In questo modo, Paredes il perfezionista è riuscito a tener testa alla complessità dei tuffi di Hunt in questa seconda tappa di nove previste per il 2016.

Le star di Copenhagen. Da sinistra a destra: Kris Kolanus, Gary Hunt, Jonathan Paredes. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

Il vincitore di oggi è stato però proprio Gary Hunt, che ha aggiunto la 26esima vittoria su 52 presenze al suo incredibile curriculum, raggiungendo peraltro un altro invidiabile record, quello del punteggio più alto dopo quatto round di tuffi (550.30 punti). Il "Brilliant Brit" non ha sfoggiato il suo tuffo più complesso in assoluto, ma è andato sul sicuro con il "back 3 somersaults 4 twists free", e si è assicurato la seconda vittoria di fila (inclusa quella del 2015) in questa città. Non poteva che esserne entusiasta:

"Ovvio che sono felice. Ho giocato strategicamente le mie carte. Ho rimosso un avvitamento dal mio tuffo opzionale ed è andata alla grande. Il perché è presto detto, faceva davvero freddo. Ma fa parte dell'essere un cliff diver: devi essere pronto ad adattarti a qualsiasi condizione e situazione. Sono inglese, quindi sono abituato al freddo."

Nonostante le condizioni avverse, con il vento che ha raggiunto i 55 km/h e le acque davvero gelide, i 14 atleti non si sono lasciati intimidire durante i loro tuffi dai 28 metri della piattaforma situata sul tetto del Teatro dell'Opera di Copenhagen. E alle calcagna di Hunt c'era lui, la wildcard Kolanus, che ha ribaltato il pessimo 10° posto della tappa precedente con un incredibile 2° qui a Copenhagen, grazie ad uno sfoggio di tecnica pazzesco. Per il polacco si tratta del secondo podio nella sua carriera, ed è la seconda wildcard ad arrivare tra i primi 3. Con questo ottimo risultato in Danimarca, il 29enne ha raggiunto il 4° posto in classifica generale, arrivando a superare persino celebri diver come l'ex-atleta olimpico Blake Aldridge, 5°, e la leggenda dello sport Orlando Duque (7°).

Ora l'élite del cliff diving punta la sua bussola verso una delle location più selvagge, le Azzorre, per la tappa prevista per il 9 luglio. Questo terzo evento vedrà le donne tornare in azione per la loro seconda tappa della stagione.

Risultati:

1. Gary Hunt, GBR – 550.30 punti
2. Kris Kolanus (W), POL – 505.15
3. Jonathan Paredes, MEX – 500.80
4. David Colturi, USA – 487.00
5. Orlando Duque, COL – 482.20
6. Michal Navratil, CZE – 455.05
7. Steven LoBue, USA – 415.05
8. Alain Kohl (W), LUX – 399.25
9. Sergio Guzman, MEX – 283.60
10. Andy Jones, USA – 281.80
11. Blake Aldridge, GBR – 263.95
12. Artem Silchenko, RUS – 256.70
13. Kyle Mitrione (W), USA – 150.80
14. Alessandro De Rose (W), ITA – 85.10

IL REPLAY DELLA DIRETTA

Il replay della diretta dell'evento di Copenhagen è disponibile su www.redbullcliffdiving.com e su Red Bull TV. Red Bull TV è disponibile su Smart TV, console da gioco, smartphone, tablet e altro ancora. Per saperne di più, visita about.redbull.tv

Negli Stati Uniti, il replay è geobloccato per via di un accordo in esclusiva con FOX Sports. L'evento verrà trasmesso su FOX Sports 1 il 17 luglio alle 22:00.