La Iffland e LoBue dominano le scogliere atlantiche

Men and women on podium
La campionessa in carica torna in vetta, mentre lo “Spinmaster” vince per la seconda volta di fila

L'australiana Rhiannan Iffland è tornata a vincere con tanto di record nella terza tappa della Red Bull Cliff Diving World Series 2018, alle Azzorre (Portogallo): ha infatti ottenuto il punteggio più alto di sempre della categoria femminile, strappando inoltre un prezioso 10 dalla giuria, e ha anche realizzato il tuffo dal coefficiente di difficoltà più elevato. Seconda la messicana Adriana Jimenez, terza la canadese Lysanne Richard.

Il podio maschile è stato deciso nell'emozionante round finale, con Steven LoBue che ha soffiato la vittoria al connazionale David Colturi con l'ultimo tuffo, assicurandosi la seconda vittoria consecutiva. Supportato da oltre 1000 spettatori a bordi di navi e kayak, l'ex-campione Gary Hunt, Inghilterra, chiude il cerchio salendo sul podio dopo un inizio di stagione non proprio brillante.

È stato l'iconico "triple quad" di Hunt a permettere al vincitore di 30 gare World Series di tornare sul podio, superando il blocco mentale che lo ha portato ad accantonare gli avvitamenti nei suoi tuffi. Maggior confidenza e sicurezza anche per il 29enne Colturi, che attualmente detiene il record di tuffo più difficile in assoluto, il "Reverse 2 Somersaults with 5 Twists". I 9 ricevuti dai giudici gli hanno permesso di salire su un gradino ancor più alto del podio, dopo il 3° posto di Bilbao, dove segue il connazionale LoBue.

"Ogni volta che si riesce a salire sul podio è fantastico," ha affermato LoBue. "Questa location è molto difficile per tutti, e ogni atleta è costretto a dare tutto se stesso. David ha alzato l'asticella della difficoltà, mentre Gary è tornato in azione eseguendo nuovamente i suoi complessi avvitamenti, e vincere in simili condizioni è qualcosa di ancor più speciale del solito."

dt_180714_rbcdpor_lobu_0096.jpg
Il tuffo di LoBue dai 27 metri che lo ha portato verso la sua seconda vittoria consecutiva. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

Il 33enne floridiano ha 5 vittorie World Series nel suo palmares, due delle quali nelle Azzorre, ed è al momento primo in classifica, a debita distanza dal ceco Michal Navratil, (che oggi è arrivato 4°) e a Colturi.

A quasi metà stagione il campione in carica Jonathan Paredes è solo al 5° posto in classifica generale, dopo un deludente 6° posto conquistato tra le scogliere portoghesi, mentre il 6 volte campione Hunt ha recuperato terreno, salendo fino all'8°. Orlando Duque (COL), che qui ha vinto lo scorso anno, non ha potuto partecipare per via di un infortunio rimediato durante il warm-up.

ra_180714_rbcdpor_hunt_2118.jpg
Gary Hunt è tornato in forma (e sul podio) dopo un inizio di stagione opaco. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

È stato anche un evento da record per la categoria femminile: la Iffland ha eseguito un tuffo perfetto dalle scogliere, conquistando il secondo 10 della storia della Women's World Series. Il memorabile Forward 2 Somersaults 1 ½ Twists è entrato nella storia del campionato anche per i 71.50 punti totalizzati, il punteggio più alto raggiunto con un singolo tuffo.

Dopo aver mancato il podio in Texas l'australiana è tornata in carreggiata con lo stile che contraddistingue una due volte campionessa: era al comando sin dal primo round e ha concluso la tappa più dura e affascinante di tutte con il più alto punteggio complessivo in assoluto.

"La prima gara in Texas è stata un po' deludente," ha affermato. "Ero tesa, ma la cosa mi ha dato la carica per provare questo nuovo tuffo, che è andato benissimo e non posso che essere felicissima di questo. Sono contenta di essere tornata sul gradino più alto del podio, ma è giunto il momento di continuare a lottare e di godermi il resto del campionato."

dt_180714_rbcdpor_iffl_4551.jpg

La Iffland è tornata in vetta dopo una performance da manuale per tutti e 4 i round. Foto:Dean Treml/Red Bull Content Pool.

La Jimenez, arrivata seconda, è ancora in cima nella classifica generale femminile, seguita proprio dalla Iffland e, a sorpresa, dalla wildcard Jessica Macaulay, Inghilterra, terza nonostante il 5° posto alle Azzorre. Un'impresa non indifferente per una diver non titolare.

Dalla più pura e remota location della World Series, l'élite del cliff diving è ora in direzione Sisikon, tra le Alpi svizzere, un luogo inedito per la categoria femminile, che tra due settimane si tufferà per la prima volta nel Lago di Lucerna.

Risultati Azzorre:

UOMINI

1- Steven LoBue USA - 405.35 punti
2- David Colturi USA – 404.80
3- Gary Hunt GBR - 400.20
4- Michal Navratil CZE – 369.55
5- Kris Kolanus POL - 360.55
6- Jonathan Paredes MEX - 358.20
7- Andy Jones USA – 357.85
8- Nikita Fedotov (W) RUS – 292.15
9- Slavik Kolesnikov (W) UKR - 287.80
10- Viktar Maslouski (W) BLR – 280.55
11- Sergio Guzman (W) MEX – 229.05
12- Blake Aldridge GBR – 221.70
13- Alessandro De Rose ITA - 189.85
14- Orlando Duque COL – DNS

DONNE
1- Rhiannan Iffland AUS – 324.95 punti
2- Adriana Jimenez MEX – 294.30
3- Lysanne Richard CAN – 285.80
4- Yana Nestsiarava BLR – 281.30
5- Jessica Macaulay (W) GBR – 280.30
6- Ginger Huber USA – 255.80
7- Anna Bader GER – 252.40
8- Antonina Vyshyvanova (W) UKR – 248.00
9- Jacqueline Valente (W) BRA – 241.10
10- Eleanor Townsend Smart (W) USA – 172.90

Guarda il replay dalle Azzorre

Rivivi tutta l'azione on demand su www.redbullcliffdiving.comRed Bull TVFacebookYoutube e Twitch. Red Bull TV è disponibile su Smart TV, console da gioco, smartphone, tablet e altro ancora. Per saperne di più, visita about.redbull.tv

Per saperne di più sul Red Bull Cliff Diving clicca qui