La stagione 2019 inizia in Paradiso

El Nido
Saranno le Filippine ad ospitare la prima tappa il 13 aprile

Sarà uno sfondo mozzafiato a dare il via alle danze all'undicesima stagione della Red Bull Cliff Diving World Series, e per giunta inedito: è la prima volta che El Nido, Filippine, ospita i diver e le loro incredibili acrobazie. I 24 atleti affronteranno una gara a base di tuffi direttamente dalla scogliera già nella tappa inaugurale, ma in compenso ci saranno delle splendide acque verde smeraldo ad accoglierli. Oltre a tartarughe e appassionati di kayak, che sono soliti invadere quel paradiso situato tra la Small e la Big Lagoon sull'isola di Miniloc.

Riusciranno Rhiannan Iffland (AUS) e Gary Hunt (GBR) a dare il via alla difesa del titolo con una prima vittoria? Difficile prevederlo quando ci si tuffa da altezze oltre i 20 metri sfiorando gli 85 km/h, una sfida anche per i migliori cliff diver del mondo. "La prima tappa è stata sempre dura nelle scorse stagioni, ma questa volta mi sento molto più sicuro," ha affermato il 7 volte campione Hunt. "Detto questo, quando ci si trova lì sopra è sempre difficile restare così tranquilli, soprattutto alla prima tappa."

ap-1w91sruh92111_news.jpg
Il volo di Gary Hunt verso la nuova stagione a caccia dell'8° titolo World Series. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

Il diver di maggior successo della storia del campionato è ormai un veterano e sa come gestire l'ansia che anticipa un volo lungo 3 interminabili secondi, ma lo stesso non vale per volti nuovi della line-up di titolari, come il bronzo olimpico Oleksiy Prygorov, Ucraina, e il talentuoso Constantin Popovici, Romania. Ovviamente nella sfida per il titolo 2019 ci saranno anche facce già note agli appassionati, da Steven LoBue (USA), arrivato secondo lo scorso anno, al campione 2017 Jonathan Paredes (MEX) tra gli altri. E non mancherà la leggenda del cliff diving Orlando Duque (COL), che dopo una stagione scandita da infortuni, quest'anno parteciperà come wildcard.

dji_0163.jpg
Le splendide lagune di El Nido ospiteranno per la prima volta i tuffi dei cliff diver. Foto: Andreas Sacherer/Red Bull Content Pool.

Sulla piattaforma della competizione femminile, posta a 21 metri di altezza, c'è sempre lei, l'imbattibile Rhiannan Iffland, pronta ad ottenere la sua vittoria numero 12 su 18 tappe totali a cui ha partecipato. "Quest'anno voglio concentrarmi sull'ottenere punteggi sempre più alti ad ogni tappa," ha affermato la Iffland, con la mente già all'attesissimo debutto nelle Filippine.

Ma alle calcagna ci sono le due inseguitrici della scorsa stagione, la messicana Adriana Jimenez e la canadese Lysanne Richard e non può assolutamente adagiarsi sugli allori: entrambe restano le favorite per la vittoria della World Series 2019. Senza dimenticare le new entry, Eleanor Townsend Smart (USA) e Jessica Macaulay, la prima inglese del campionato, che aggiungeranno pepe alla competizione.

dt_180601_rbcdtex_iffl_1412.jpg
La 3 volte campionessa Rhiannan Iffland avrà pane per i suoi denti nella stagione 2019. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

La tappa inaugurale dell'undicesima World Series non vedrà solamente i 16 diver titolari, ma anche 4 wildcard per categoria. Questi talenti, in alcuni casi giovanissimi (la diver più giovane ha 20 anni, il più giovane 23), promettono di dare filo da torcere ai permanent diver, rendendo la sfida ancor più imprevedibile e coinvolgente.

Segui la diretta da El Nido

L'evento verrà trasmesso in DIRETTA il 13 aprile alle 10:45 su www.redbullcliffdiving.com, Red Bull TV, Facebook e Youtube.

Red Bull TV è disponibile su Smart TV, console da gioco, smartphone, tablet e altro ancora. Per saperne di più, visita about.redbull.tv

Non puoi seguire l'evento in diretta o vuoi vederlo nuovamente? Troverai un replay disponibile qualche minuto dopo la conclusione dell'evento.

Per saperne di più sul Red Bull Cliff Diving clicca qui.