La World Series 2018 sarà qualcosa di speciale

Calendar map
Sette gare in location classiche per celebrare il decimo anniversario

La lista dei vincitori aumenta sempre di più, il livello della competizione sale alle stelle, e i limiti di ciò che è possibile vengono continuamente superati: impossibile non aspettarsi grandi cose dalla nuova stagione della Red Bull Cliff Diving World Series. Lo sport che combina acrobazie, caduta libera da 27 metri e una velocità di 85 km/h è pronto a tornare in location ormai classiche, per commemorare un anno speciale grazie a 7 tappe per gli uomini e 5 tappe per le donne.

Questo sport in continua evoluzione vedrà gli atleti affrontare fiumi, laghi e oceani in luoghi dove il cliff diving raggiunge la sua pura essenza, passando per posti ricchi di storia e per vere e proprie meraviglie della natura sia in Europa che in Nord America, prima di concludere in grande stile a settembre, nella nostra Polignano a Mare.

Nella bomboniera dell'Adriatico verranno incoronati i due campioni e sarà un momento speciale, sia perché lì il i tuffi dalle scogliere fanno parte del DNA della città da tempo immemore, sia perché per la prima volta ci sarà un tuffatore italiano nella line-up dei permanent diver: Alessandro De Rose, vincitore della tappa di Polignano dello scorso anno. Ma prima sarà il turno di Stati Uniti, Spagna, Portogallo, Svizzera, Danimarca e Bosnia ed Erzegovina.

Jonathan Paredes e Rhiannan Iffland inizieranno a difendere il loro titolo al cospetto dell'imponente Hell's Gate, nel Possum Kingdom Lake, Texas. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

I primi tuffi dai 27 (uomini) e dai 21 metri (donne) verranno eseguiti in Texas, presso il Possum Kingdom Lake, circondato da scogliere torreggianti che formano un imponente "cancello", l'Hell's Gate, come viene chiamato dagli abitanti del posto. Da lì, l'élite del cliff diving volerà verso Bilbao, la prima meta europea della stagione (e la prima tappa, di due, riservata ai soli uomini). Il Ponte de La Salve sarà il suggestivo trampolino, e ad accogliere gli atleti ci sarà il fiume Nervión.

La tappa numero 3 è un vero e proprio classico della World Series: stiamo parlando dei monoliti delle Azzorre, in Portogallo, e più precisamente dell'isola di São Miguel, che ospiterà per la settima volta (un record!) una gara del campionato. Qui gli atleti si tuffano saltando direttamente dalle rocce vulcaniche: inutile dire che sarà uno spettacolo imperdibile. Il primo weekend di agosto riporterà gli atleti alle radici del cliff diving, a Sisikon, in Svizzera, una location inedita per la World Series femminile.

L'élite del cliff diving tornerà nel suggestivo Lago di Uri a Sisikon, in Svizzera, per la quarta tappa della stagione. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

La settantesima gara della storia della World Series verrà disputata nel cuore della capitale danese, Copenhagen, con uno sfondo molto particolare: la piattaforma è infatti posizionata sul tetto del Teatro dell'Opera.

La penultima tappa prevede invece le fredde acque del fiume Narenta, sotto il "Vecchio Ponte" di Mostar, in Bosnia ed Erzegovina. All'ombra dello Stari Most ci si tuffa da secoli, ed è una vera e propria tradizione del posto. La finalissima, con tanto di cerimonia di assegnazione degli ambiti trofei del Re Kahekili, avrà invece luogo in Puglia, sulle coste del Mar Adriatico. Quella di Polignano è una tappa amatissima non solo per la folla faraonica che ogni anno si raduna sugli scogli e in acqua per assistere alla gara, ma anche perché gli atleti, per raggiungere la piattaforma, devono necessariamente passare per il salotto di un cittadino, una particolarità che rende il tutto ancora più unico.

I campioni dell'edizione 2018 verranno incoronati a Polignano a Mare, in Italia, nel cuore del cliff diving europeo. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

Il 2018 sarà un anno speciale per due motivi: oltre ad essere il decimo della World Series maschile, è anche il quinto di quella femminile. Ci saranno inoltre nuovi atleti ad accendere la fiamma della competizione: per le donne, la tedesca Anna Bader e la bielorussa Yana Nestsiarava, mentre tra gli uomini debutterà ufficialmente come diver in pianta stabile Alessandro De Rose.

La battaglia per la Red Bull Cliff Diving World Series 2018, insomma, sarà ancora una volta tutta da scrivere, un tuffo dopo l'altro, soprattutto dopo una stagione 2017 imprevedibile che ha visto nuovi volti sul podio, oltre a un nuovo campione, e ha alzato l'asticella della difficoltà in maniera significativa.

2 giugno - Texas, Stati Uniti
30 giugno – Bilbao, Spagna
14 luglio – São Miguel, Azzorre, Portogallo
5 agosto – Sisikon, Svizzera
25 agosto – Copenhagen, Danimarca
8 settembre – Mostar, Bosnia ed Erzegovina
23 settembre – Polignano a Mare, Italia