La World Series debutta a Dublino

Jonathan Paredes
La seconda tappa aggiunge la capitale irlandese al calendario: la gara è prevista per il 12 maggio

Dopo aver visto dominare i due campioni in carica Gary Hunt (GBR) e Rhiannan Iffland (AUS) nella tappa inaugurale nelle Filippine, la World Series viaggia verso l'Europa per la gara più a nord della stagione: Dublino. Dalle calde acque delle lagune di El Nido al freddo della capitale irlandese, l'élite del cliff diving dovrà mostrare spirito di adattamento al cospetto di migliaia di spettatori che si raduneranno al porto di Dún Laoghaire per assistere allo spettacolo. Gli sfidanti dovranno alzare la posta in gioco per arrestare l'avanzata dei campioni.

Se Hunt può fare il bis di 6 vittorie consecutive vincendo in Irlanda (la prima risale al 2015), il rumeno Constantin Popovici, al debutto da diver titolare nelle Filippine, ha dimostrato di potergli rovinare la festa. Il suo armstand dive ha permesso al diver olimpico, che si sta preparando duramente per la qualificazione a Tokyo 2020, di ottenere il punteggio più alto e il suo primo podio World Series, piazzandosi dietro al 7 volte campione.

ra_190413_rbcdphi_hunt_1193.jpg
Gary Hunt punta (per la seconda volta) alla sesta vittoria consecutiva in World Series, dopo aver vinto a El Nido. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

I favoriti al titolo, come il messicano Jonathan ParedesSteven LoBue (Stati Uniti), dovranno mostrare sin da subito i loro assi nella manica per impedire all'inglese di mettere nuovamente le mani sul trofeo del Re Kahekili.

Per la categoria femminile, l'australiana Iffland continua a lasciare tutti di sasso con le sue acrobazie dai 21 metri. La 27enne si è assicurata la vittoria numero 12 su 18 gare totali disputate, ma non può di certo adagiarsi sugli allori: ha la bielorussa Yana Nestsiarava e la canadese Lysanne Richard alle calcagna. Al contrario della messicana Adriana Jimenez, che nelle Filippine si è fermata al 5° posto.

dt_190412_rbcdphi_iffl_3897.jpg
La 3 volte campionessa Iffland ha iniziato la stagione alla grande vincendo nelle Filippine. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

Dopo tre gare disputate nella piscina naturale di Inis Mor, sulle Isole Aran, questa volta sarà la capitale ad ospitare le piattaforme.

Dún Laoghaire, situata a sud del centro di Dublino, è un'iconica cittadina costiera con oltre 200 anni di storia alle spalle. Per chi vuole scaldare i muscoli prima della gara c'è il celebre promontorio "40 Foot", mentre per chi preferisce immergersi nella storia e nella cultura del paese ci sono il Museo Marittimo Nazionale, il People's Park e la dlr LexIcon Library, che offre un panorama mozzafiato in grado di rivaleggiare con le sole piattaforme del Red Bull Cliff Diving, posizionate a 21 e 27 metri di altezza.

dji_0134_a_0.jpg
Sono previsti migliaia di fan al porto di Dún Laoghaire: Foto: Event Junkies/Red Bull Content Pool.

Verranno collocate sul Carlisle Pier, dove i diver potranno godere di una visuale niente male sulla Baia di Dublino, tra il faro di Poolbeg, Howth Head, Dalkey Island e l'intera Dún Laoghaire. L'attività preferita dai turisti è la passeggiata lungo l'East Pier del porto della città, ed è da lì che migliaia di spettatori potranno gustarsi lo spettacolo e tifare per i 24 diver che si daranno battaglia il 12 maggio.

La costruzione del porto è durata ben 42 anni, dal 1817 al 1859, ma ai diver basteranno 3 secondi per impattare le acque sottostanti e donare un tocco di magia in più alla location.

Segui la diretta da El Nido

L'evento verrà trasmesso in DIRETTA il 12 maggio alle 20:00 su www.redbullcliffdiving.com, Red Bull TV, Facebook & Youtube.

Red Bull TV è disponibile su Smart TV, console da gioco, smartphone, tablet e altro ancora. Per saperne di più, visita about.redbull.tv

Non puoi seguire l'evento in diretta o vuoi vederlo nuovamente? Troverai un replay disponibile qualche minuto dopo la conclusione dell'evento.

Per saperne di più sul Red Bull Cliff Diving clicca qui.