Svelato il calendario della World Series 2020, includerà 3 nuove location

Jonathan Paredes
Il Red Bull Cliff Diving torna con la sua dodicesima edizione: 8 le tappe in giro per il mondo

La Red Bull Cliff Diving World Series approda nel nuovo decennio con 3 location nuove di zecca, la diver titolare più giovane della storia della competizione e standard identici per entrambe le categorie. Saranno ancora una volta i campioni in carica Gary Hunt (GBR) e Rhiannan Iffland (AUS) a difendere l'ambito titolo di uno sport che unisce tuffi da altezze che raggiungono i 27 metri a una velocità che sfiora gli 85 km/h, a seguito di una stagione segnata da record pazzeschi.

Concentrazione allo stato puro, abilità ai limiti della perfezione e controllo fisico sono gli elementi fondamentali per ogni atleta intenzionato a mettere le mani sul trofeo del Re Kahekili. Le sfide si terranno in posti che spaziano da meraviglie naturali a siti storici, passando per angoli incontaminati di ben 4 continenti, degni palcoscenici per una disciplina che punta a superare ancora una volta i suoi limiti.

Le novità dell'edizione 2020 sono Bali, Indonesia, la capitale della Norvegia, Oslo, e l'Australia, teatro della finale e paese natale della 4 volte campionessa Iffland, che difenderà il titolo davanti al pubblico di casa, nel porto di Sydney.

Ma prima del debutto nel paese dei canguri, i diver dovranno sfidarsi a suon di tuffi rapidi e precisi (l'impatto con l'acqua arriva dopo soli 3 secondi dal decollo) anche in luoghi ormai classici: Francia, Stati Uniti, Italia, Portogallo e Bosnia ed Erzegovina.

dji_0649.jpg
Una tappa inaugurale in paradiso: Bali attende l'élite del cliff diving. Foto: Andreas Sacherer/Red Bull Content Pool.

I primi tuffi della stagione, realizzati da 3 volte l'altezza di quelli olimpici, verranno ospitati da una delle location più esotiche della storia della competizione, l'inedita isola di Bali, dove uomini e donne potranno sfoggiare tutto il loro talento in due luoghi paradisiaci: il canyon Aling Aling e Nusa Penida.

Dopo la lussureggiante Indonesia sarà il turno di una delle tappe preferite della World Series: La Rochelle, in Francia. Per la prima volta la categoria femminile affronterà questa temibile tappa, resa tale dall'imponente torre di Saint Nicolas che affaccia sul Golfo di Biscaglia. Proprio qui ebbe luogo la prima gara in assoluto della competizione, nel lontano 2009.

Le placide acque del Possum Kingdom Lake, in Texas, seguiranno a ruota in quel di giugno, e ci sarà da aspettarsi clima rovente, tuffi incredibili, e l'immancabile pubblico che seguirà la gara da barche, gommoni e kayak, dando vita a un divertente party al lago.

ra_180602_rbcdtex_colt_8541.jpg
L'azione ritorna nell'amato Possum Kingdom Lake dopo un anno di stop. Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool.

Per la quarta tappa si torna in Europa, nell'incantevole Polignano a Mare, in Puglia, dove le case emergono dalle scogliere: una location unica con le piattaforme posizionate su un luogo davvero speciale, ovvero la terrazza di un cittadino. Presso la bomboniera dell'Adriatico si radunano ogni anno decine di migliaia di spettatori (70000!), segno che si tratta di un evento assolutamente imperdibile. Dalla calda regione del Sud d'Italia ci si sposterà nella fredda Norvegia: la World Series tornerà dopo anni, ma questa volta nella capitale. Le piattaforme verranno collocate sull'affascinante Teatro dell'Opera di Oslo, la cui forma ricorda quella di un iceberg.

Potevano forse mancare le Azzorre? L'arcipelago portoghese ha infranto ogni record, ospitando la World Series per 9 anni consecutivi. La tappa, da sempre molto provante e temuta dagli atleti, cambierà però periodo, passando dalla prima metà della stagione alla seconda, aggiungendo così un tocco di imprevedibilità e difficoltà al campionato. Da queste parti, l'élite del cliff diving non si è mai sfidata così in là, a settembre, e sarà interessante assistere alla lotta per punti sempre più preziosi.

Altra tradizione è quella di Mostar, il cui ponte storico, lo Stari Most, vedrà ancora una volta gli atleti darsi battaglia nella penultima tappa, un momento cruciale della stagione. Lo scorso anno Hunt e la Iffland chiusero i conti già in Bosnia ed Erzegovina, mentre Popovici (ROU) realizzò un tuffo perfetto (cinque 10 dalla giuria).

Al termine di sette mesi di azione e tuffi incredibili in giro per il globo, la Red Bull Cliff Diving World Series giungerà alla sua conclusione in un paese mai visitato prima dalla competizione, l'Australia, dove i due campioni verranno incoronati al cospetto di migliaia di spettatori nel porto della capitale, Sydney. Gli occhi saranno tutti puntati sulla 4 volte campionessa della Women's World Series, Rhiannan Iffland, l'atleta di casa, ma anche le sorti della categoria maschile verranno decise un tuffo dopo l'altro, tutti eseguiti dalla piattaforma situata nel bel mezzo del porto.

ap-1xfgm4kkw2111_news.jpg
Prima volta per l'Australia, che ospiterà la finalissima della World Series nel porto di Sydney. Foto: Brett Hemmings/Red Bull Content Pool.

Altra novità interessante dell'edizione 2020 riguarda il numero di titolari, che per la prima volta saranno 8 in entrambe le categorie. Anche il format di gara sarà uguale, e verrà dato spazio alle nuove generazioni di atleti.

Anche se Hunt e la Iffland restano i campioni da battere, il direttore sportivo Greg Louganis è infatti convinto che, stagione dopo stagione, la competizione si fa sempre più imprevedibile, merito proprio dei giovani talenti che iniziano a farsi strada nella disciplina. Un ottimo esempio sono le giovani Maria Paula Quintero, dalla Colombia, di soli 19 anni, e la tedesca Iris Schmidbauer, classe 1995.

gh_cp.jpg
Alla luce di quanto visto lo scorso anno, questo 2020 promette scintille tra il campionissimo Gary Hunt e l'astro nascente Constantin Popovici. Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool.

La battaglia per il titolo 2020 della Red Bull Cliff Diving World Series si avvicina: impossibile lasciarsela sfuggire!

Il calendario della Red Bull Cliff Diving World Series 2020

16 maggio – Bali, Indonesia - NOVITÀ
6 giugno – La Rochelle, Francia
27 giugno – Texas, Stati Uniti
19 luglio – Polignano a Mare, Italia
15 agosto – Oslo, Norvegia - NOVITÀ
6 settembre – São Miguel, Azzorre, Portogallo
26 settembre – Mostar, Bosnia ed Erzegovina